LOREM IPSUM DOLOR

T. 0733.775.665 | info@marevatour.it

da€2600

Corea del Sud – Tour insolito Oriente – Viaggi Firmati

Programma di viaggio (13 aprile – 22 aprile)

1° giorno – lunedì 13 Aprile – Italia/Seoul

Ritrovo dei partecipanti presso l’aeroporto di G. Marconi di Bologna in tempo utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco, incontro con l’accompagnatore e partenza con volo di linea delle 10:30 per Francoforte. Arrivo previsto alle 12:00, cambio di aeromobile e proseguimento per Seoul con il volo di linea delle 18:10. Pasti e pernottamento a bordo.

2° giorno – martedì 14 Aprile – Seoul

Arrivo all’aeroporto di Incheon alle 11:20 disbrigo delle formalità doganali, incontro con il personale locale di assistenza e trasferimento in hotel con pullman privato. La capitale della Repubblica di Corea che con i suoi dieci milioni di abitanti è una delle metropoli più densamente popolate al mondo, si è affermata negli ultimi anni come una delle città maggiormente rivolte al futuro, una sorta di terra delle meraviglie tecnologiche. Nonostante questo, la sua anima più nascosta parla di grandi tradizioni, coniugando perfettamente passato, presente e futuro. Arrivo in hotel, sistemazione nelle camere riservate e breve tempo a disposizione per rinfrescarsi dopo il lungo viaggio. Pranzo libero. Nel pomeriggio, incontro con la guida locale e partenza in pullman privato per visitare la città, iniziando da uno dei luoghi più emblematici: il Palazzo Changdeokgung, residenza preferita da molti sovrani, così gradita da essere abitata fino al 1926, anno della scomparsa dell’ultimo imperatore. Si tratta di uno dei cinque grandi palazzi costruiti dalla dinastia Joseon, l’ultima discendenza imperiale che fu alla guida della Corea per circa cinque secoli. Grazie alla sua bellezza e al suo valore storico, dato dalla presenza di numerose strutture originarie, il palazzo è stato inserito dall’UNESCO tra i Patrimonio dell’Umanità. Cena in ristorante e rientro in hotel per il pernottamento.

3° giorno – mercoledì 15 Aprile – Seoul

Prima colazione in hotel, incontro con la guida locale e partenza per proseguire la visita di Seoul, alla scoperta dei luoghi più significativi della capitale coreana. La prima tappa sarà al Palazzo Gyeongbokgung, costruito nel 1395 e comunemente conosciuto come “Palazzo del Nord”. E’ il più grande delle cinque residenze imperiali Joseon ed è sicuramente uno dei più belli. Purtroppo gran parte delle strutture originarie è stata distrutta dai Giapponesi: dei numerosissimi edifici che lo costituivano, solo dieci si sono salvati dalle ripetute devastazioni e nel 1990 un grande lavoro di restauro ha cercato di riportare la residenza imperiale all’antico splendore. Il Palazzo Gyeongbokgung è inoltre uno dei due luoghi in cui si svolge la cerimonia del Cambio della Guardia Reale, spettacolo che due volte al giorno prende vita di fronte alla porta Gwanghwamun. L’evento rievoca quanto accadeva sotto la dinastia Joseon, quando la Guardia Reale era responsabile dell’apertura e chiusura del portone e del pattugliamento del palazzo. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, proseguimento della visita con il villaggio Hanok Bukchon, un’area prossima al Palazzo Gyeongbokgung ed al Palazzo Changdeokgung, dove si possono ancora ammirare le tradizionali abitazioni “hanok”, che un tempo ospitavano le famiglie nobili più vicine all’imperatore, molte delle quali conservano ancora la forma originale. Al termine, proseguimento per Insadong, famosissima via commerciale situata nel cuore di Seoul, continuando poi verso il Mercato Gwangjang, uno dei più antichi della città, dove si vendono prodotti di ogni genere e dove è possibile sperimentare anche il cibo di strada. La visita termina con il DDP, Dongdaemun Design Plaza, opera dell’architetto Zaha Hadid, un edificio che per la forma ricorda una navicella spaziale. La struttura metallica arrotondata e priva di spigoli, dotata di un sistema di illuminazione a LED, è diventata un punto di riferimento per Seoul. Al suo interno ospita negozi, un centro esposizioni, un museo che ne illustra la storia ed un piccolo sito archeologico, dove è possibile vedere le antiche mura della città, portate alla luce durante gli scavi. Cena in ristorante e rientro in hotel per il pernottamento.

4° giorno – giovedì 16 Aprile – Seoul/Suwon/Seoul (ca. 60 km)

Prima colazione in hotel, incontro con la guida locale e partenza per proseguire la visita, spostandosi verso la località di Suwon dove si trova la fortezza di Hwaseong, inserita dall’UNESCO tra i Patrimoni dell’Umanità. Si tratta infatti dell’unico esempio in Corea di cittadella medievale fortificata, giunto fino ai nostri tempi. Questa imponente struttura difensiva fu eretta alla fine del ‘700 sotto la direzione di un famoso architetto militare, che nel realizzarla utilizzò tutte le tecniche più avanzate dell’epoca, inglobando anche elementi della cultura giapponese e cinese. Uno degli esempi d’innovazione fu l’utilizzo dei mattoni come materiale di costruzione sostitutivo della pietra o alternato ad essa. Pranzo in ristorante. Rientro a Seoul per visitare il Museo Nazionale della Corea, la principale esposizione di arte e di storia della Corea del Sud, che non solo conserva e espone reperti, ma ospita anche eventi legati alle sue mostre. Le collezioni spaziano dalla storia antica e medievale alla storia moderna, concentrandosi su pittura, scultura, artigianato e molto altro ancora. Al termine, trasferimento verso il monte Namsan dove si trova la ITN Seoul Tower, una torre alta più di duecento metri, eretta nel 1976 e divenuta ben presto simbolo della città.  Cena in ristorante e rientro in hotel per il pernottamento.

5° giorno – venerdì 17 Aprile – Seoul/Andong (230 km – ca.4 ore)

Prima colazione in hotel e pranzo in ristorante in corso di escursione. Incontro con la guida locale e partenza in pullman privato verso la parte settentrionale della regione Gyeongsangbuk-do, ricca di storia e tradizioni, dove nei pressi della cittadina di Andong si trova il Folk Village di Hahoe, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Questo delizioso villaggio tradizionale di epoca Joseon, offre ai visitatori uno scorcio sulla Corea rurale più autentica. Passeggiando tra le sue strade si potranno osservare le tipiche abitazioni contadine dal tetto di paglia, le hanok delle famiglie più agiate con il tetto di tegole, l’accademia confuciana di Byeongsan Seowon e la piccola comunità di risiedenti occupata nelle faccende quotidiane. Al termine sistemazione in hotel ad Andong, cena e pernottamento.

6° giorno – sabato 18 Aprile – Andong/Gyeongju (160 km – ca.2 ore)

Prima colazione in hotel, incontro con la guida locale e partenza in pullman privato verso Gyeongju, capitale dell’antico regno Silla e una delle mete turistiche più amate della Corea. La città è infatti considerata un museo a cielo aperto, grazie alle numerose aree storiche dichiarate dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Le zone protette abbracciano le rovine di templi, palazzi, pagode, statue ed altri artefatti risalenti al regno Silla, che dominò la penisola coreana tra il VII e IX secolo. Prima di raggiungere Gyeongju, visita al Tempio sotterraneo di Seokguram sul monte Tohamsan. L’eremo fa parte del complesso templare Bulguska, che si trova a circa quattro chilometri di distanza ed entrambi custodiscono alcune delle principali sculture buddhiste del mondo. Il santuario di Seokguram è composto da una grotta artificiale scavata nella roccia, dove troneggia una bellissima statua del Buddha. Le piccole dimensioni del tempio indicano probabilmente che era utilizzato solo dalla famiglia reale. La visita prosegue con il complesso Bulguska considerato un capolavoro dell’epoca Silla. Dell’opera originale rimangono le strutture in pietra, mentre gli edifici in legno sono stati ricostruiti, ma ciò nonostante rimane un’incantevole testimonianza architettonica del passato. Al termine, proseguimento per Gyeongju e pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, visita al suggestivo sito del Palazzo Donggung, un tempo utilizzato dai sovrani Silla per le feste di corte estive. Cena in ristorante e pernottamento in hotel.

7° giorno – domenica 19 Aprile – Gyeongju/Busan (90 km – ca.1 ora)

Prima colazione in hotel, incontro con la guida locale e partenza in pullman privato verso l’area archeologica in cui si trova Cheomseongdae, la Torre delle Stelle, un osservatorio astronomico del VII secolo che in base alle testimonianze storiche è il più antico rimasto in Estremo Oriente. La visita prosegue con il vicino Daereungwon, il parco delle tombe imperiali dove si trovano numerosi tumuli a forma di alte cupole, all’interno dei quali gli archeologi hanno rinvenuto splendidi manufatti in oro, vetro e ceramica. La tomba più famosa e anche l’unica visitabile, è quella di Cheonmachong detta del cavallo divino, che conteneva un bellissimo cavallo alato dipinto su legno di betulla, l’unica pittura di epoca Silla giunta fino a noi. Al termine delle visite, partenza in pullman privato per Busan, la città portuale più grane del Paese e uno dei porti più importanti del mondo. Pranzo in ristorante e nel pomeriggio visita al suggestivo Memoriale delle Nazioni Unite, dove riposano i militari provenienti da sedici nazioni, caduti nella Guerra di Corea. La visita prosegue con Jagalchi Market, l’immenso e caratteristico mercato ittico dove sulle bancarelle o nelle pescherie è possibile vedere una varietà incredibile di pesci e molluschi; a seguire visita del Mercato Gukje, nato negli anni cinquanta dalla volontà dei rifugiati nord-coreani di tornare alla quotidianità scambiando merci di qualsiasi genere, cosa che avviene anche oggi. Cena in ristorante e pernottamento in hotel.

8° giorno – lunedì 20 Aprile – Busan/Mungyeong Saejae/Seoul (250 km – ca.3 ore)

Prima colazione in hotel e pranzo in corso di escursione. Incontro con la guida locale e partenza in pullman privato per il viaggio di ritorno a Seoul. Prima di lasciare la città, sosta al bellissimo tempio buddhista Haedong Yonggungsa dedicato alla Dea della Misericordia e insolitamente costruito su una scogliera con vista mozzafiato sull’oceano. Al termine della visita, proseguimento del viaggio in pullman privato percorrendo la strada che porta al passo montuoso di Mungyeong Saejae, ad un’altitudine di circa settecento metri. Il passo è noto per essere l’unico posto in cui è ancora possibile vedere l’antica fortezza difensiva e la via Yeongnam, che in epoca Jonseon collegava Busan a Seoul. Mungyeong Saejae era infatti l’unica porta di accesso e di uscita dalla provincia di Gyeongsan. In questo scenario naturale si trova inoltre il Mungyeongsaejae KBS Drama Studio, ovvero la Cinecittà coreana, dove si registrano tutti i film storici. Arrivo a Seoul, cena in ristorante e pernottamento.

9° giorno – martedì 21 Aprile – Seoul/DMZ/Seoul (ca.180 km)

Prima colazione in hotel, incontro con la guida locale e partenza in pullman privato verso la zona di confine con la Corea del Nord. In seguito alla guerra fratricida degli anni cinquanta, il Paese fu separato in due nazioni e ancora oggi è l’unico ad avere un confine interno. La linea di demarcazione corre per duecentocinquanta chilometri da un lato all’altro della Penisola Coreana dividendola a metà. Tra le due Nazioni si sviluppa inoltre una zona cuscinetto, estesa da entrambe le parti per una larghezza di due chilometri. Si tratta della DMZ, la zona demilitarizzata dove non è consentito abitare ed i pochi villaggi che rimasero intrappolati dalla sua creazione, furono presto abbandonati. La totale assenza di umanità ha permesso alla natura di riprendersi il territorio, trasformandolo in un habitat perfetto per rare specie vegetali e animali. Dopo circa un’ora di viaggio, si raggiunge il Ponte dell’Unificazione delle due Coree, con un primo posto di controllo dove i militari verificano i passaporti di tutti i passeggeri. Si prosegue poi fino all’auditorium del centro visitatori, per assistere alla proiezione di un filmato che rievoca il periodo della guerra e gli eventi successivi alla separazione dei due stati. Successivamente si visita il terzo tunnel di aggressione scavato segretamente dalla Corea del Nord per attaccare di sorpresa Seoul, scoperto nel 1978 grazie alla denuncia di un disertore nordcoreano. Si prosegue quindi con l’osservatorio Dora dove attraverso i teleobiettivi presenti lungo tutto il suo perimetro è possibile osservare i cosiddetti “Villaggi della Propaganda”, ovvero paesi fantasma creati a sommo studio da entrambe le parti. Ultima tappa della visita è la stazione ferroviaria Doresan, costruita come simbolo di speranza per la riunificazione, dove tutto è pronto per quando il primo treno potrà partire da qui per raggiungere Pyongyan, capitale della Corea del Nord. Ritorno a Seoul e visita al suggestivo Museo della Memoria, le cui sale espositive sono dedicate a tutti i conflitti che hanno sconvolto il Paese nel corso dei secoli, in particolare alla Guerra di Corea. Al termine, cena in ristorante e pernottamento.

10° giorno – mercoledì 22 Aprile – Seoul/Italia  

Prima colazione in hotel e trasferimento con pullman privato in aeroporto, in tempo utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco. Pranzo libero. Partenza con il volo di linea delle 14:25 diretto a Francoforte. Arrivo alle 18:40 cambio di aeromobile e proseguimento con il volo di linea delle 21:40 diretto a Bologna. Arrivo previsto alle 23:00 e fine dei servizi.

 

N.B. Per motivi tecnico/organizzativi, l’ordine cronologico delle visite previste durante il tour potrebbe essere cambiato, senza che questo comporti alterazione nel contenuto del programma di viaggio. Tutte le visite previste nel programma sono garantite. E’ tuttavia possibile che a causa di eventi speciali, di manifestazioni pubbliche o istituzionali e di lavori di ristrutturazione o manutenzione, alcuni edifici, parchi o luoghi di interesse storico naturalistico o culturale vengano chiusi al pubblico anche senza preavviso.

GLI ORARI DEI VOLI RIPORTATI NEL PROGRAMMA SONO INDICATIVI E SOGGETTI A POSSIBILI VARIAZIONI. SI RICORDA INOLTRE CHE ANCHE IL CHILOMETRAGGIO GIORNALIERO ED I RELATIVI TEMPI DI PERCORRENZA, SONO INDICATIVI E NON POSSONO TENER CONTO DI FATTORI IMPREVEDIBILI (incidenti, lavori di manutenzione stradale, deviazioni, traffico etc.etc.).

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 2.600
QUOTA D’ISCRIZIONE E TASSE AEROPORTUALI € 540

La quota comprende:

viaggio aereo da Bologna con volo di linea Lufthansa in classe economica (scalo a Francoforte in andata e ritorno); trasferimenti da e per gli aeroporti all’estero con pullman privato; trattamento di pensione completa (prima colazione, pranzo e cena) dalla cena del 2° giorno alla prima colazione del 10° giorno; sistemazione in camere doppie standard con servizi privati per un totale di 8 notti in hotel di categoria ufficiale 4 stelle a Seoul (5 notti), Gyeonjou (1 notte) e Busan (1 notte), in hotel di categoria ufficiale 3 stelle ad Andong (1 notte); guida locale parlante italiano, se disponibile, in caso contrario parlante inglese e la traduzione in italiano sarà curata dell’accompagnatore; biglietti d’ingresso (Palazzo Changdeokgung, Palazzo Gyeongbokgung, Fortezza di Suwon, ITN Seoul Tower e DMZ a Seoul; Villaggio Folcloristico di Hahoe; Seokguram Grotto, Tempio Bulguksa, Sito del Palazzo Donggung, Osservatorio Cheomseongdae, Parco delle tombe imperiali Daerungwon a Gyenju; Fortezza di Mungyeong a Mungyeong Saejae); accompagnatore professionista dall’Italia e per tutta la durata del viaggio; servizio catering a bordo dei voli di linea intercontinentali; Kg.23 di franchigia bagaglio per i voli intercontinentali; assicurazione medico-bagaglio; garanzia annullamento Optimas di UnipolSai Assicurazioni – richiedere il fascicolo informativo all’atto della prenotazione.
La quota non comprende:

le bevande; i pasti indicati come liberi o facoltativi; biglietti d’ingresso a parchi, monumenti e luoghi di interesse storico/culturale non menzionati alla voce “la quota comprende”; tutto quanto indicato come libero o facoltativo; qualsiasi extra di carattere personale (ad esempio telefonate, servizio lavanderia etc.etc.); eventuali tasse per utilizzo delle macchine fotografiche/cineprese/videocamere (incluse quelle dei cellulari) da pagare all’ingresso di parchi/siti/musei e in tutti i luoghi che lo richiedono; le tasse aeroportuali e le security charges dei voli di linea Emirates; peso in eccedenza dei bagagli rispetto ai kg. indicati (da pagare direttamente alla compagnia aerea all’imbarco); le mance al personale alberghiero, agli autisti, alle guide etc. (considerare 40 Euro totali a persona) e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.

accompagnatore Robintur dall’Italia

massimo 25 partecipanti