LOREM IPSUM DOLOR

T. 0733.775.665 | info@marevatour.it

da€4255

Stati Uniti – Tour Ovest leggendario – Viaggi Firmati Classic

Programma di viaggio (22 giugno – 6 luglio)

1° giorno – lunedì 22 Giugno – Italia / Stati Uniti

Ritrovo dei partecipanti presso l’aeroporto G.Marconi di Bologna, incontro con l’accompagnatore, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo di linea delle 09:45 per Los Angeles via Parigi. Arrivo a Parigi alle 11:35, cambio di aeromobile e proseguimento del viaggio con il volo di linea delle 13:25. Pasti leggeri a bordo. Arrivo all’aeroporto di Los Angeles previsto alle 16:10 locali, disbrigo delle formalità doganali, ritiro del bagaglio, trasferimento in hotel e tempo a disposizione per rilassarsi dopo il lungo viaggio. Cena libera e pernottamento in hotel.

2° giorno – martedì 23 Giugno – Los Angeles

Prima colazione in hotel. Al mattino visita guidata dei due quartieri più famosi dell’immensa metropoli americana: Hollywood e Beverly Hills. Hollywood, nonostante sia un semplice distretto di Los Angeles, è sicuramente la zona più conosciuta della città, che a partire dagli anni venti legò indissolubilmente il suo nome alla storia del cinema americano. Lungo Hollywood Boulevard si trovano le principali attrazioni come il Grauman’s Chinese Theater, dove un tempo si svolgevano la celebri cerimonie per la consegna degli Oscar e l’Hollywood Walk of Fame il marciapiede costellato da oltre duemila stelle che racchiudono i nomi delle celebrità onorate dalla Camera di Commercio di Hollywood. Il quartiere di Beverly Hills, è considerato invece una delle zone residenziali più esclusive al mondo. Grazie alla sua vicinanza con Hollywood le prime star del cinema lo scelsero infatti come luogo privilegiato dove costruire le proprie sfarzose abitazioni. Ben presto divenne una delle mete turistiche più richieste, attirando ogni anno migliaia di visitatori desiderosi di incrociare celebrità dello spettacolo. Può succedere infatti di vedere qualche personaggio famoso nei luoghi di ritrovo più esclusivi, come Rodeo Drive o Sunset Boulevard, dove negozi prestigiosi si alternano a ristoranti e alberghi di lusso. Pranzo in ristorante in corso di escursione. Pomeriggio a disposizione per attività facoltative, per shopping o per visitare liberamente i famosissimi Universal e Paramount Studios o l’altrettanto famosa Disneyland. Cena libera e pernottamento in hotel.

3° giorno – mercoledì 24 Giugno – Los Angeles/ Phoenix (ca.600 km)

Prima colazione in hotel. Partenza in pullman privato per iniziare il viaggio che attraverserà le zone più spettacolari del Sudovest americano. Lasciata la costa del Pacifico e la California, il tour prosegue in direzione dell’Arizona effettuando così una lunga tappa di trasferimento verso la regione dei canyon e dei deserti. Sosta durante il viaggio per il pranzo libero. Arrivo a Phoenix, sistemazione in hotel, cena in ristorante e pernottamento.

4° giorno – giovedì 25 Giugno – Phoenix / Sedona / Grand Canyon (360 km)

Prima colazione in hotel e partenza in pullman privato verso Sedona e l’Oak Creek Canyon, una delle otto strade più panoramiche d’America che ha fatto da scenario a numerosi film western. Pranzo libero in corso di escursione. Proseguimento verso il Grand Canyon National Park per visitare una delle grandi meraviglie naturali del mondo: il famosissimo Grand Canyon, gola profonda e immensa che corre per 446 km tra la sponda Nord e la sponda Sud ad una profondità di circa 1500 mt. Il canyon si è formato nel corso di sei milioni di anni grazie all’erosione del fiume Colorado, le cui acque si sono aperte un varco attraverso l’omonimo altopiano. La vista è davvero spettacolare, ma la vera bellezza sta nei mutevoli disegni di luce e ombra che nell’arco della giornata trasformano i colori delle rocce. Sosta nei principali punti panoramici, e quindi proseguimento per l’hotel, sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento.

5° giorno – venerdì 26 Giugno – Grand Canyon / Lake Powell / Monument Valley / Kayenta (ca.450 km)

Prima colazione in hotel e pranzo libero in corso di escursione. Partenza in pullman privato per Kayenta, effettuando alcune tappe suggestive lungo la strada. La prima sosta sarà al belvedere dell’Horseshoe Bend, per scattare una fotografia ad una spettacolare ansa del fiume Colorado dalla perfetta forma a ferro di cavallo. Proseguimento verso il Lake Powell, grande lago artificiale creato dalla costruzione della diga di Glen Canyon, per poi raggiungere l’Antelope Canyon, vera meraviglia della natura. Si tratta di un Tribal Park, dove le attività sono interamente gestite dai Nativi Americani e la visita sarà effettuata in compagnia di una guida Navajo. Proseguimento verso la Monument Valley, situata al confine tra lo Stato dell’Arizona e dello Utah. Il territorio, pur essendo prevalentemente pianeggiante, è costellato di “mesas”, imponenti formazioni naturali di colore rossastro dalla sommità piatta più o meno orizzontale. Sosta al punto panoramico presso il visitor center per ammirare uno dei paesaggi più famosi di tutti gli Stati Uniti. Le antiche formazioni di arenaria che si innalzano sopra un deserto apparentemente sconfinato, rappresentano infatti il simbolo del selvaggio West, soprattutto perché Hollywood ha utilizzato queste vedute mozzafiato come sfondo per centinaia di film. Proseguimento del viaggio in direzione di Kayenta, arrivo in hotel, sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento.

6° giorno – sabato 27 Giugno – Kayenta / Canyon de Chelly / Albuquerque (490 km)

Prima colazione in hotel e partenza verso il Canyon de Chelly, con i suoi magnifici scenari e le rosse pareti rocciose. Il canyon fa parte della riserva degli indiani Navajo ed è costellato di hogan, le tipiche costruzioni indiane utilizzate principalmente come abitazioni e talvolta per scopi religiosi. Pochi altri siti del Nord America possono vantare una ricchezza culturale e storica pari a quest’area. Qui infatti sono state rinvenute tracce di quattro diverse culture indigene: i Basketmakers, gli Anasazi, grandi costruttori di pueblo e artefici delle dimore collocate sulle pareti rocciose, gli indiani Hopi ed infine i Navajo che occuparono stabilmente il canyon a partire dal 1700. Pranzo libero in corso di escursione. Proseguimento del viaggio in direzione di Albuquerque situata nello Stato del New Mexico. Arrivo in hotel, sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento.

7° giorno – domenica 28 Giugno – Albuquerque / Santa Fe / Chama / Durango (450 km)

Prima colazione in hotel e partenza verso la bellissima città di Santa Fe. Situata a 2100 mt. di altitudine e circondata dalle montagne del Sangre de Cristo, è una delle più antiche degli Stati Uniti ed è caratterizzata dall’incontro di tre diverse culture: spagnola, indiana e americana. La città, fondata dagli Spagnoli nel 1610, divenne ben presto un importante centro economico. Qui infatti finiva la “pista di Santa Fe”, importantissima via commerciale che collegava lo Stato del New Mexico con lo Stato del Missouri. Caratteristico il Palazzo del Governatore, costruito nello stile pueblo spagnolo. Pranzo libero durante il viaggio. Proseguimento verso Durango e lo Stato del Colorado, con una sosta alla cittadina di Chama nata nel periodo della corsa all’argento, dove si trova l’ultimo tratto della ferrovia del Rio Grande. Arrivo a Durango, sistemazione nelle camere riservate, cena in ristorante e pernottamento.

8° giorno – lunedì 29 Giugno – Durango / Mesa Verde / Canyonlands / Moab (400 km)

Prima colazione in hotel. Il viaggio prosegue attraverso lo Stato del Colorado, per raggiungere il Parco Nazionale di Mesa Verde, uno dei principali tesori archeologici d’America, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.  Per oltre 700 anni i canyon della Mesa furono infatti abitati dall’antico popolo Pueblo che qui realizzò le più elaborate abitazioni indiane ricavate nella roccia, molte delle quali arrivate fino ai giorno nostri in un ottimo stato di conservazione. Pranzo libero durante il viaggio. Proseguimento verso lo Stato dello Utah attraverso i panorami impressionanti di Canyonlands, Parco Nazionale dal 1964, con vedute mozzafiato sui canyon di Green River e Colorado. Milioni di anni fa i due fiumi scavarono profondi solchi nella roccia, creando un labirinto di canyon che rappresentano il cuore di questa regione selvaggia. Al centro, la loro confluenza divide i 1.365 kmq del parco in tre zone: la Needles, dalle numerose guglie di roccia rossa, la Maze dove si nascose Butch Cassidy per sfuggire ai suoi inseguitori ed infine l’altopiano dell’Island in the Sky, con il punto panoramico da cui si godono splendidi scorci sui fiumi e sui canyon. Al termine, proseguimento per Moab, sistemazione in hotel, cena in ristorante e pernottamento.

9° giorno – martedì 30 Giugno – Moab / Arches / Capitol Reef / Bryce Canyon (440 km)

Prima colazione in hotel e partenza in pullman privato per visitare lo spettacolare Arches, il parco nazionale che vanta il più grande numero al mondo di archi naturali in pietra. Quest’area protetta conserva infatti oltre 2000 archi di arenaria, che vanno dal massiccio Turret Arch, ai graziosi Delicate Arch e Landscape Arch. Pranzo libero. Nel pomeriggio il viaggio prosegue nella terra dei canyon, attraverso il Parco Nazionale di Capitol Reef, considerato uno dei “segreti” meglio custoditi dello Utah poiché nonostante le sue straordinarie peculiarità, non registra un’affluenza di visitatori così importante come accade invece per gli altri parchi. Il nome Capitol Reef nasce dall’unione delle sue caratteristiche territoriali. All’inizio del XX secolo, i cercatori d’oro che attraversavano il deserto dovevano infatti fermarsi alla Waterpocket Fold, una parete rocciosa che corre da Nord a Sud per 160 km e che ricorda una scogliera (reef); le sue bianche cupole rotonde assomigliano invece alla cupola che sovrasta il Palazzo del Campidoglio (Capitol) a Washington. Il Parco copre un’area di 980 kmq e fin dai tempi remoti fu abitato dai Nativi Americani, che qui lasciarono notevoli incisioni rupestri. Al termine, si prosegue verso l’area del Bryce Canyon. Sistemazione in hotel esterno al parco, cena e pernottamento.

10° giorno – mercoledì 1 Luglio – Bryce Canyon / Zion / Las Vegas (400 km)

Prima colazione in hotel e partenza in pullman privato per visitare il Parco Nazionale di Bryce Canyon. Nonostante il nome, in realtà non si tratta propriamente di un canyon, ma di un fantastico anfiteatro naturale originatosi dall’erosione del settore orientale dell’altopiano Paunsaugunt. Il parco è famoso per i caratteristici “hoodoos”, pinnacoli alti e sottili dall’intensa colorazione che varia dal rosso, all’arancio, al bianco e generati dall’azione erosiva degli agenti atmosferici. Gli indiani Paiute, che un tempo cacciavano in questa zona, le descrivevano come “rocce rosse che si ergono come uomini in un anfiteatro”. Pranzo libero. Il viaggio prosegue in direzione dello Utah e del Parco Nazionale Zion, un canyon caratterizzato da imponenti formazioni rocciose e profonde gole modellate dalla forza delle acque del Virgin River e dei suoi affluenti. L’ambiente unico garantisce un’enorme varietà di flora e fauna, tutelando anche numerose specie a rischio di estinzione. Oltre alle ricchezze naturali, lo Zion National Park vanta una presenza millenaria dell’uomo, che in questi canyon ha lasciato molte tracce del suo passato. Al termine della visita, si lascia lo Stato dello Utah per entrare nel Nevada e raggiungere la scintillante Las Vegas. Sistemazione nelle camere riservate, cena in hotel e serata a disposizione dei partecipanti per godere la vita notturna della città, animata da casinò, spettacoli fantasmagorici e architetture fantasiose.

11° giorno – giovedì 2 Luglio – Las Vegas / Death Valley / Mammoth Lakes (560 km)

Prima colazione in hotel e partenza in pullman privato per il Death Valley National Park che si estende longitudinalmente da Nord a Sud, fra la California e lo Stato del Nevada. All’incirca al centro della valle si trova il punto più basso del Nord America ed il clima è decisamente arido. Su tutto il territorio piovono infatti da 3 a 6 centimetri d’acqua all’anno, con temperature diurne che da Maggio a Settembre raggiungono in media i 40-45 °C superando talvolta i 50 °C. Le zone più importanti e facilmente raggiungibili del parco sono Zabriskie Point, località molto spettacolare perché la sua particolare aridità la fa assomigliare ad un luogo extraterrestre e Stovepipe Wells, dove si trovano ancora i carri abbandonati dai fortyniner e dove il vento ha depositato sabbia per cinque chilometri quadrati, formando bellissime dune. Pranzo libero durante il viaggio. Lasciata la depressione desertica di Death Valley, si prosegue attraverso le foreste della Sierra Nevada fino a Mammoth Lakes. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

12° giorno – venerdì 3 Luglio – Mammoth Lakes / Yosemite / San Francisco (450 km)

Prima colazione in hotel e pranzo libero. Partenza in pullman privato per il Parco Nazionale di Yosemite, uno dei più famosi del Paese. Si valica il passo Tioga (ca. 3000 mt. di altitudine) per poi scendere lungo il versante occidentale della Sierra Nevada. Lo Yosemite National Park ha più o meno le stesse dimensioni della Valle d’Aosta e offre scenari spettacolari, fatti di cascare, foreste, cupole di roccia levigate da antichi ghiacciai, pareti verticali di granito e prati fioriti. Fra le principali attrattive del parco ricordiamo: Half Dome, alta 2700 mt e ritenuta la più grande roccia granitica del mondo; El Capitan, una roccia alta circa 900 mt. considerata sacra dai Nativi Americani;  le cascate Yosemite, che nel punto di massima altezza raggiungono i 730 mt e che sono divise in tre parti: le “Upper Falls”, la parte più alta che arriva fino alla sorgente, “The Cascades”, dove l’acqua compie il salto più alto ed infine le “Lower Falls”, il punto più basso. Al termine, proseguimento per San Francisco, quarta città della California per numero di abitanti, molto conosciuta per la vivacità culturale e l’eclettismo architettonico. Il suo clima è caratterizzato da inverni freschi e piovosi e da estati secche, fresche e nebbiose. Tra Giugno ed Agosto, infatti, le temperature spesso non superano i 20 gradi anche di giorno e può capitare frequentemente che una fitta nebbia avvolga l’intera città. All’arrivo, sistemazione in hotel, cena libera e pernottamento.

13° giorno – sabato 4 Luglio – San Francisco

Prima colazione in hotel. Al mattino, partenza per visitare la bella metropoli californiana, famosa per i suoi quartieri come il popolarissimo Fisherman’s Wharf, dove si trova il centro commerciale Pier 39, Chinatown, che ospita la più antica e la più grande comunità cinese al di fuori dell’Asia, Castro, conosciuto in tutto il mondo per essere il cuore della comunità gay, Mission District, il quartiere latinoamericano che prende il nome dalla prima missione spagnola. Altre zone d’interesse sono Market Street e Union Square, rispettivamente la via principale e la piazza centrale di San Francisco, luoghi dello shopping, degli hotel di lusso e di teatri prestigiosi, la celeberrima Lombard Street che ha fatto da sfondo a decine di film e serie TV, il cui tratto più caratteristico è rappresentato da Russian Hill, la collina percorsa da otto ripidi tornanti percorribile ad una velocità massima di 8 km orari! Infine il Golden Gate Bridge, il famosissimo ponte di colore arancione che sovrasta il Golden Gate, lo stretto che collega l’Oceano Pacifico con la Baia di San Francisco. Pranzo libero e pomeriggio a disposizione per attività facoltative, per shopping o per proseguire liberamente la visita della città. Cena libera e pernottamento in hotel.

14° giorno – domenica 5 Luglio – San Francisco / Italia

Prima colazione in hotel e pranzo libero. Tempo a disposizione per gli ultimi acquisti o per proseguire liberamente la visita della città e trasferimento in aeroporto con pullman privato in tempo utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco. Partenza per l’Italia via Amsterdam con volo di linea delle 16:30. Pasti leggeri e pernottamento a bordo.

15° giorno – lunedì 6 Luglio – Bologna

Arrivo all’aeroporto di Amsterdam alle 11:50, pranzo libero, cambio di aeromobile e proseguimento per Bologna con volo di linea delle 15:05. Arrivo alle 16:55 e fine dei servizi.

 

N.B. Per motivi tecnico/organizzativi, l’ordine cronologico delle visite previste durante il tour potrebbe essere cambiato, senza che questo comporti alterazione nel contenuto del programma di viaggio. Tutte le visite previste nel programma sono garantite. E’ tuttavia possibile che a causa di eventi speciali, di manifestazioni pubbliche o istituzionali e di lavori di ristrutturazione o manutenzione, alcuni edifici, parchi o luoghi di interesse storico, naturalistico o culturale vengano chiusi al pubblico anche senza preavviso. Si fa presente che l’itinerario prevede sbalzi di altitudine, passando ad esempio dal livello del mare fino ai 3.000 metri del passo Tioga. Quando la temperatura supera i 48°C, non è inoltre possibile attraversare la Death Valley e si rende necessario percorrere una strada alternativa da/per Las Vegas. L’attraversamento della valle può risultare impossibile anche in caso di improvvise alluvioni, che potrebbero verificarsi nei mesi di Maggio e Giugno

GLI ORARI DEI VOLI RIPORTATI NEL PROGRAMMA SONO INDICATIVI E SOGGETTI A POSSIBILI VARIAZIONI. SI RICORDA INOLTRE CHE ANCHE IL CHILOMETRAGGIO GIORNALIERO ED I RELATIVI TEMPI DI PERCORRENZA, SONO INDICATIVI E NON POSSONO TENER CONTO DI FATTORI IMPREVEDIBILI (incidenti, lavori di manutenzione stradale, deviazioni, traffico etc.etc.).

Quota di partecipazione € 4.255
Quota d’iscrizione e tasse aeroportuali € 410
ESTA 14 dollari americani

La quota comprende:

viaggio aereo da Bologna con voli di linea Air France/KLM in classe economica (scalo a Parigi in andata e scalo ad Amsterdam in ritorno); trasferimenti da e per gli aeroporti all’estero con pullman privato; sistemazione in camere doppie standard con servizi privati per un totale di 13 notti, in hotel di categoria ufficiale 4 stelle a Phoenix (1 notte), Albuquerque (1 notte), Las Vegas (1 notte) e San Francisco (2 notti) e di categoria ufficiale 3 stelle a Los Angeles (2 notti), Grand Canyon (1 notte), Kayenta (1 notte), Durango (1 notte), Moab (1 notte), Brice Canyon (1 notte) e Mammoth Lake (1 notte); trattamento pasti: tutte le prime colazioni dal 2° al 14° giorno (americane o con buffet caldo), sei cene in hotel (4°, 5°, 6°, 9°, 10° e 11° giorno), tre cene in ristorante (3°, 7° e 8° giorno) e un pranzo in ristorante (2° giorno); mezza giornata (circa 4 ore) di visita guidata in lingua italiana a San Francisco e Los Angeles; escursioni e visite in pullman privato come dettagliato nel programma; biglietti d’ingresso (Grand Canyon N.P.; Lake Powell; Antelope Canyon Tribal Park; Monument Valley Tribal Park; Mesa Verde N.P.; Canyonlands N.P.; Arches N.P.; Capitol Reef N.P.; Bryce Canyon N.P.; Zion N.P.; Death Valley N.P. Yosemite N.P.); accompagnatore Robintur dall’Italia e per tutta la durata del viaggio; facchinaggio negli hotel (1 collo a persona); servizio catering a bordo dei voli intercontinentali; Kg.23 di franchigia bagaglio per i voli intercontinentali operati da Air France/KLM; copertura assicurativa Globy Rosso per assistenza sanitaria all’estero di Allianz Global Assistance (copertura spese mediche ILLIMITATA per ricoveri fino a 100 giorni per assicurati di età inferiore agli 80 anni) – richiedere il fascicolo informativo all’atto della prenotazione; assicurazione bagaglio e garanzia annullamento Optimas di UnipolSai Assicurazioni.
La quota non comprende:

ESTA (USD 14 p.persona. Importo indicativo e suscettibile di variazione da parte delle autorità americane anche senza preavviso) e/o visto consolare per ingresso negli Stati Uniti (costo variabile da verificare direttamente con le sedi diplomatico-consolari americane in Italia o nel sito  https://it.usembassy.gov/it); bevande; pasti non menzionati o indicati come liberi/facoltativi; biglietti di ingresso a parchi, monumenti, luoghi di divertimento (es. Universal Studios, Disneyland etc…) e luoghi di interesse storico/culturale non menzionati alla voce “la quota comprende”; qualsiasi extra di carattere personale (ad esempio telefonate, servizio lavanderia etc.etc.); eventuali tasse per utilizzo delle macchine fotografiche/cineprese/videocamere (incluse quelle dei cellulari) da pagare all’ingresso di parchi/siti/musei e in tutti i luoghi che lo richiedono; tasse aeroportuali e security charges dei voli Air France/KLM; peso in eccedenza dei bagagli rispetto ai kg. indicati (da pagare direttamente alla compagnia aerea all’imbarco); mance (considerare ca. USD 90 a persona) agli autisti, alle guide e al personale locale di assistenza in arrivo/partenza dagli aeroporti di San Francisco e Los Angeles; tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.

NB. Oltre alle mance per autisti, guide e personale locale di assistenza, si fa presente che negli Stati Uniti le mance al personale di servizio di ristoranti, alberghi etc.etc. sono OBBLIGATORIE e oscillano tra il 15% ed il 18% del totale del conto (informazione puramente indicativa e suscettibile di variazione)

 accompagnatore Robintur

massimo 25 partecipanti