LOREM IPSUM DOLOR

T. 0733.775.665 | info@marevatour.it

€1750

Uzbekistan – Tour da Tashkent a Samarcanda – Viaggi Firmati

Programma di viaggio:

1° giorno – venerdì 8 maggio – Italia / Uzbekistan

Ritrovo dei partecipanti presso l’aeroporto di G. Marconi di Bologna in tempo utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco, incontro con l’accompagnatore e partenza per Istanbul con volo di linea delle 11:10. Pranzo libero. Arrivo previsto alle 14:50, cambio di aeromobile e proseguimento per Tashkent con il volo di linea delle 18:35. Cena leggera durante il viaggio. Arrivo a Tashkent alle 01:35, disbrigo delle formalità doganali, trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere riservate e pernottamento.

2° giorno – sabato 9 maggio – Tashkent

Prima colazione in hotel, incontro con la guida locale e partenza in pullman privato per visitare la capitale dell’Uzbekistan, attraversando i luoghi di maggiore interesse, come la piazza Khast-Imam, su cui si affacciano il mausoleo Kaffal-Shashi, eretto in memoria del poeta e filosofo islamico, la madrasa Barak-Khan, e la moschea Teleshayakh, cui è annessa una biblioteca che custodisce il Corano di Osamak, il più antico del mondo. Sosta per il pranzo e nel pomeriggio vista alla splendida madrasa Kukeldash, alla città vecchia, dedalo di viuzze su cui si affacciano case basse di mattoni e fango e quindi al bazaar Chorsu, l’enorme mercato dove oltre ai prodotti alimentari è possibile trovare un po’ di tutto. A seguire, visita di una stazione della metropolitana e infine di Piazza Amir Timur e di Piazza dell’Indipendenza. Rientro in hotel per cena e pernottamento.

3° giorno – domenica 10 maggio – Tashkent / Nukus / Shylpyk-Kala / Toprak-Kala / Khiva

Al mattino presto, trasferimento in aeroporto in tempo utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo di linea delle 07:25 diretto a Nukus, capitale della repubblica autonoma del Karakalpakstan, che si trova nella parte occidentale del Paese. Arrivo previsto alle 09:05 e partenza in pullman privato per una visita panoramica della città: il municipio, il teatro, ma soprattutto il magnifico Museo Statale d’Arte, che grazie alla straordinaria opera di Igor Savitskiy, ospita una pregevole collezione d’arte moderna relativa in particolare al periodo 1918-1935. Savitskiy, pittore e archeologo russo, collezionò infatti un gran numero di capolavori pittorici delle avanguardie russe ed uzbeke proibiti dal regime sovietico, i cui autori furono poi perseguitati, imprigionati o deportati. Pranzo in corso di escursione e partenza in pullman privato verso l’oasi di Khiva (200 km – ca.3 ore e mezzo di viaggio), con sosta lungo il percorso alle fortezze di Shylpyk-Kala e Toprak-Kala. Ben nascoste tra le dune del deserto di Kyzylkum, le poderose costruzioni d’argilla furono erette verso il I° secolo a.C. per ospitare i governatori dell’antico Khorezm. Di particolare interesse Toprak-Kala, dall’’architettura insolita, dove sono stati rinvenuti reperti archeologici d’inestimabile valore. Al termine, proseguimento per Khiva, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

NB. La prima colazione sarà consegnata dall’albergo con cestino da viaggio.

4° giorno – lunedì 11 maggio – Khiva

Prima colazione in hotel e pranzo in corso di escursione. Al mattino, incontro con la guida locale e partenza in pullman privato per visitare la bellissima città di Khiva, un tempo situata ai limiti della Via della Seta, l’antica strada carovaniera che collegava l’Oriente all’Occidente. Nel X sec. d.C. Khiva era una delle più importanti stazioni di sosta per le carovane dirette in Cina e all’inizio del XVI secolo fu la capitale dell’impero timuride. Il suo centro storico, circondato da una poderosa cinta muraria, è uno dei più antichi e meglio conservati dell’Asia Centrale ed è stato inserito dall’UNESCO tra i Patrimoni dell’Umanità. La visita prevede la madrasa Mohammed Amin Khan, grande scuola islamica che poteva ospitare fino a 250 studenti, di fronte alla quale si trova il Kalta Minor un minareto rivestito di piastrelle turchesi; il mausoleo del leggendario poeta e filosofo Pakhlavan Mahmud, patrono di Khiva, uno dei monumenti più belli e suggestivi della città; la madrasa Islam Khoja; la moschea di Juma, di particolare interesse per le 213 colonne in legno intagliato che sostengono il tetto; la Tosh Howli o Casa di Pietra, costruita da Allah Kuli Khan come alternativa più sfarzosa all’antica residenza Kunya Ark; la madrasa Allah Kuli Khan, il bazar ed infine il caravanserrai, dove un tempo alloggiavano i mercanti di passaggio. Rientro in hotel per cena e pernottamento.

5° giorno – martedì 12 maggio – Khiva / Bukhara (ca.480 km – ca.9 ore)

Prima colazione in hotel. Il pranzo sarà consegnato dall’albergo con un cestino da viaggio/box lunch. Partenza in pullman privato per una lunga tappa di trasferimento verso Bukhara, lungo la strada che attraversa il deserto di Kyzylkum, secondo per estensione dell’Asia Centrale. Una parte del percorso costeggia anche il grande fiume Amudarya, che si può intravedere da pochi scorci. Le poche strutture d’accoglienza e i posti di ristoro che si trovano lungo la strada, sono molto semplici e spartane, ma offrono un assaggio della vita quotidiana del Paese. Arrivo a Bukhara in tarda serata, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

6° giorno – mercoledì 13 maggio – Bukhara   

Prima colazione in hotel. Giornata dedicata alla visita di Bukhara, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, un vero museo a cielo aperto miracolosamente conservato nel tempo. Questa antichissima città deve la sua importanza alla posizione geografica, punto d’incrocio delle vie carovaniere che collegavano l’Arabia, all’India e alla Cina. Il suo centro storico, rimasto pressoché intatto, racchiude edifici meravigliosi. La visita prevede il complesso architettonico Poi-Kalon, composto dal minareto Kalon simbolo della città e dalla piazza Registan che separa la moschea Kalon Jummi dalla prestigiosa scuola coranica Mir-I-Arab. Si prosegue quindi con la visita ai tre bazaar costruiti nel XVI secolo e coperti da un tetto a cupola: il Taqi Zargaron, il Taqi Telpak Furushon ed il Taqi Sarrafon. A seguire, la moschea Magok-I-Atori, dove si potranno ammirare nello stesso spazio i resti di un monastero buddista, di un tempio Zoroastriano e di una moschea, quindi il Lyab-i Huaz, un’antica vasca centro di un magnifico complesso architettonico composto dalla madrasa Kukeldash e da due edifici religiosi, che si ergono l’uno di fronte all’altro. Pranzo in corso di escursione. Nel pomeriggio, proseguimento delle visite con la parte esterna della Fortezza Ark, una vera e propria città nella città, che in origine comprendeva la casa dell’emiro e delle sue mogli, una moschea, istituti governativi, mercati, una prigione e la piazza delle pubbliche esecuzioni; la moschea Bolo Hauz, che era la moschea di corte ed il mausoleo Ismail Samani, una delle costruzioni più eleganti di tutta l’Asia Centrale.  Al termine, cena nella Madrasa Nadir Dovenbegi e rientro in hotel per il pernottamento.

7° giorno – giovedì 14 maggio – Bukhara / Shakhrisabz / Samarcanda (ca 390 km)

Prima colazione in hotel e partenza in pullman privato per Samarcanda. Pranzo in ristorante lungo il percorso. Nel pomeriggio proseguimento del viaggio con sosta a Shakhrisabz, la “città verde”, situata in una piccola valle ai piedi delle montagne del Pamir. Molti monumenti risalenti alla dinastia timuride hanno permesso alla parte antica di Shakhrisabz di essere inserita dall’UNESCO tra i Patrimoni dell’Umanità. Qui nacque infatti Tamerlano, fondatore della dinastia Timuride e leggendario eroe nazionale vissuto nel XIV secolo, che costituì un grandioso impero grazie ad un’accorta politica di guerra. Un tempo probabilmente la fama di Shakhrisabz oscurava addirittura quella di Samarcanda. Tamerlano infatti fece costruire qui il Palazzo Ak-Saray, “il palazzo bianco”, residenza estiva progettata per essere una costruzione monumentale. Oggi ne rimane ben poca cosa, ma solo i laterali del portale d’ingresso, splendidamente decorati da piastrelle azzurre, danno l’idea dell’immensità del complesso. Altre costruzioni interessanti sono la grande moschea del venerdì Kok Gumbaz ed il Mausoleo di Jahangir, eretto da Tamerlano per il suo prediletto figlio maggiore, morto a ventidue anni. Al termine delle visite, proseguimento per Samarcanda. All’arrivo, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

8° giorno – venerdì 15 maggio – Samarcanda

Prima colazione in hotel. Giornata dedicata alla visita della leggendaria Samarcanda. La città fu fondata probabilmente nel V secolo a.C. e raggiunse il massimo splendore durante il regno di Tamerlano, che ne fece la capitale del suo vastissimo impero. I principali luoghi d’interesse della città furono fatti costruire da lui, da suo nipote Ulugbek e dagli Shaybanidi uzbeki, che tra il XIV e XV secolo la trasformarono nell’epicentro economico, culturale e intellettuale dell’Asia Centrale. I siti di maggiore interesse si trovano quasi tutti nella città vecchia e sono caratterizzati da un originale intreccio di stili architettonici iracheni, azerbaigiani e persiani. Si visiterà il mausoleo Gur-e-Amir, che custodisce le spoglie di Tamerlano e del famoso astronomo Ulugbek; la piazza Registan o “Piazza Reale” nome comune a molte piazze dell’Asia Centrale, anche se quella di Samarcanda è la più grande e forse la più bella; la maestosa moschea Bibi Khanym, andata largamente distrutta durante il tragico terremoto del 1897 ed il mercato agricolo Siab, esteso tutto intorno ai resti della moschea. Sosta per il pranzo e nel pomeriggio proseguimento delle visite con la necropoli Shah-i-Zinda, una strada interamente fiancheggiata da tombe rivestite da splendide piastrelle in maiolica, quasi tutte appartenenti a parenti o favoriti di Tamerlano; l’osservatorio Ulugbek, dove ancora oggi si possono ammirare i resti di un grande astrolabio ed infine la grande collina Afrasiab, dove si trovano i resti del primo insediamento che al tempo di Alessandro Magno si chiamava Maracanda. Al termine, rientro in hotel, cena e pernottamento.

9° giorno – sabato 16 maggio – Samarcanda / Italia

Trasferimenti in aeroporto con pullman privato, in tempo utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con il volo di linea delle 05:45 diretto a Istanbul. Arrivo alle 08:50, incontro con il personale locale di assistenza e partenza in pullman privato per un breve giro panoramico della città, con sosta per il pranzo in ristorante. Ritorno in aeroporto in tempo utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con il volo di linea delle 16:25 diretto a Bologna. Arrivo alle 18:00 e fine dei servizi.

 

N.B. Per motivi tecnico/organizzativi, l’ordine cronologico delle visite previste durante il tour potrebbe essere cambiato, senza che questo comporti alterazione nel contenuto del programma di viaggio. Tutte le visite previste nel programma sono garantite. E’ tuttavia possibile che a causa di eventi speciali, di manifestazioni pubbliche o istituzionali e di lavori di ristrutturazione o manutenzione, alcuni edifici, parchi o luoghi di interesse storico, naturalistico o culturale vengano chiusi al pubblico anche senza preavviso.

GLI ORARI DEI VOLI RIPORTATI NEL PROGRAMMA SONO INDICATIVI E SOGGETTI A POSSIBILI VARIAZIONI. SI RICORDA INOLTRE CHE ANCHE IL CHILOMETRAGGIO GIORNALIERO ED I RELATIVI TEMPI DI PERCORRENZA, SONO INDICATIVI E NON POSSONO TENER CONTO DI FATTORI IMPREVEDIBILI (incidenti, lavori di manutenzione stradale, deviazioni, traffico etc.etc.).

Quota di partecipazione € 1.750

Quota d’iscrizione e tasse aeroportuali € 360

La quota comprende:viaggio aereo da Bologna con voli di linea Turkish Airlines (via Istanbul) in classe economica; volo di linea Uzbekistan Airways in classe economica da Tashkent a Nukus (2° giorno); trasferimenti da e per gli aeroporti all’estero con pullman privato; sistemazione in camere doppie standard con servizi privati per un totale di 8 notti, in hotel di categoria ufficiale 4 stelle a Tashkent (2 notti), Bukhara (2 notti) e Samarcanda (2 notti) e in hotel di categoria ufficiale 3 stelle a Khiva (2 notti); pensione completa (prima colazione pranzo e cena) dalla prima colazione del secondo giorno al pranzo del nono (prima colazione del 3° giorno e pranzo del 5° giorno a pic-nic con cestino da viaggio/box lunch); una bottiglietta di acqua naturale non gasata da 0,33 l. per persona a pasto; guida locale uzbeka parlante italiano; escursioni e visite in pullman privato, come dettagliato nel programma inclusa la breve visita panoramica di Istanbul del 9° giorno; biglietti d’ingresso (madrasa Kukeldash, moschea Teleshayakh, mausoleo Kaffal-Shashi, madrasa Barak-Khan, stazione della metropolitana a Tashkent; Museo Statale d’Arte a Nukus; fortezze di Shylpyk-Kala e Toprak-Kala; madrasa Mohammed Amin Khan, Kalta Minor, mausoleo di Pakhlavan Mahmud, madrasa Islam Khoja, moschea di Juma, Casa di Pietra, madrasa Allah Kuli Khan, residenza Kunya Ark a Khiva; complesso Poi-Kalon con la moschea Kalon e il minareto, moschea Magok-I-Atori, complesso Lyab-i Hauz, fortezza Ark, moschea Bolo Hauz, mausoleo Ismail Samani a Bukhara; rovine del Palazzo Bianco, mausoleo Kok-Gumbaz e Sayidon, mausoleo di Jehangir, moschea Hazrat-i Imam a Shakhrisabz; mausoleo Gur-e-Amir, moschea Bibi Khanym, necropoli Shah-i-Zinda, osservatorio Ulugbek, rovine di Afrasiab con il museo a Samarcanda); utilizzo auricolari per radioguide durante il tour (dal 2° al 8° giorno); accompagnatore Robintur dall’Italia e per tutta la durata del viaggio; servizio catering a bordo dei voli di linea intercontinentali; Kg.23 di franchigia bagaglio per i voli intercontinentali e 20 kg per il volo interno; assicurazione medico-bagaglio; garanzia annullamento Optimas di UnipolSai Assicurazioni – richiedere il fascicolo informativo all’atto della prenotazione.
La quota non comprende:

bevande diverse o in misura superiore rispetto a quanto indicato alla voce “la quota comprende”; i pasti indicati come liberi o facoltativi; ingressi a parchi, monumenti e luoghi di interesse storico/culturale non menzionati nel programma dettagliato o indicati a pagamento; tutto quanto indicato come libero o facoltativo; qualsiasi extra di carattere personale (ad esempio telefonate, eventuali ticket per utilizzo delle macchine fotografiche/cineprese da pagare all’ingresso dei parchi, servizio lavanderia etc.etc.); le tasse aeroportuali e le security charges di tutti i voli; peso in eccedenza dei bagagli rispetto ai kg. indicati (da pagare direttamente alla compagnia aerea all’imbarco); le mance obbligatorie al personale alberghiero, agli autisti, alle guide etc. (30 Euro per persona) e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.